…”Io ce l’ho con Wikileaks, con Facebook, con Google e con internet in generale”

Scritto da Paolo D’Arpini

“Moto censorio unanime, da parte delle tre scimmiette al potere, contro Wikileaks, Facebook, Google e internet in generale…. ma la colpa non é dello strumento!” (Saul Arpino) “Wikileaks importante strumento giornalistico come il Freedom of Information Act”. Afferma il Time Magazine… ma internet e soprattutto Wikileaks non piace ai potenti.. Specialmente dopo l’azione selvaggia di Wikileaks che minaccia di destabilizzare il “sistema” di potere consolidato.. e basato sul metodo delle tre scimmiette: non vedo, non sento, non parlo. .

Ma intanto leggiamo come si autopresenta questa nuova agenzia telematica “free-lance”:Wikileaks è un’organizzazione non-profit dei media. Il nostro obiettivo è quello di portare importanti novità e informazioni al pubblico. Noi forniamo un modo innovativo, sicuro e anonimo per le fonti di fuga di informazioni per i nostri giornalisti (la nostra casella di riepilogo elettronica). Una delle nostre attività più importanti è quello di pubblicare materiale originale fonte a fianco della nostra storia di notizie modo che i lettori e gli storici visitatori potranno vedere la prova della verità. Siamo una realtà giovane che è cresciuta molto velocemente, facendo affidamento su una rete di volontari impegnati in tutto il mondo. Dal 2007, quando l’organizzazione è stata lanciata ufficialmente, Wikileaks ha lavorato a riferire in merito e pubblicare le informazioni importanti.

Wikileaks ha sostenuto e vinto contro gli attacchi giuridico e politico progettato per mettere a tacere la nostra organizzazione editoriale, i nostri giornalisti e le nostre fonti anonime. I principi più generali su cui si basa il nostro lavoro sono la difesa della libertà di parola e media editoria, il miglioramento del nostro record storico comune e il sostegno dei diritti di tutte le persone di creare nuova storia. Si ricavano i principi della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. In particolare, l’articolo 19 ispira il lavoro dei nostri giornalisti e altri volontari. Essa afferma che ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di libertà di avere opinioni senza interferenze e di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere. Siamo d’accordo, e noi cerchiamo di mantenere questo e gli altri articoli della Dichiarazione…”

Ovvio che con certe premesse e promesse una tale “agenzia d’informazione” non può piacere ai potenti al potere… e meno che meno potrà piaceri ai governanti italiani che da sempre sono abituati a comandare in modo mafioso, imponendo il silenzio sulle loro malefatte…. Per cui nessuna meraviglia che ci sia stata un’alzata di scudi da parte dei nostri governanti.. Berlusconi in testa.. per la “fuga di notizie che mette a repentaglio la nostra stabilità economica e politica…” A repentaglio, certo.. e fuga di notizie.. certo.. ed allora?

“Internet delenda est..”

E si prende la scusa di voler “combattere la dipendenza di parecchi giovani malati per l’uso del computer e della navigazione su internet”

afferma Jannone, amico del Berluscone… Il quale ovviamente ce l’ha con Internet “perché é un’ossessione per quelle persone che poi diventato dipendenti…”. Ma com’é che lo stesso Giorgio Jannone non ce l’ha con chi guarda la televisione in modo compulsivo (e sono la maggioranza in Italia).. i teledipendenti non contano? Ed é sempre lui (lo stesso Jannone che vuole difendere i giovani dalla dipendenza) quello che ha proposto di abbassare l’età di distribuzione dei Gratta e Vinci? Che il gioco d’azzardo statale non crea dipendenza? Suvvia Jannone, suvvia, diciamo le cose come stanno: la comunicazione libera di internet non piace perché permette di scoprire troppi altarini….

Ed ora, un’altra uscita censoria del “Jannone pensiero”:

“Avvocati e commercialisti devono essere allontanati dalle sale del Potere, perché per loro forma mentis, dunque di legulei mestieranti delle verità giuridiche, sempre diverse da quelle del Vero, pasticciano con cavilli e codicilli e pandette rendendo ogni avvenimento complicatissimo. Dunque, siano deputati a comporre le leggi, ma non a promulgarle e sostenerle. Fuori tali categorie dai Parlamenti, quello è luogo di CARISMATICI UMANISTI…”

“… ma come sono buoni i nostri “servitori”, si preoccupano per noi, perché, asseriscono, siamo dipendenti da internet, e, dunque, malati psichiatrici o quasi! Ma non si preoccupano i nostri servitori lesto_fanti, d’ogni categoria rappresentata, delle condizioni economiche in cui ci fanno vivere con stipendi da fame, e siamo fortunati quelli che li possediamo… perché i giovani… Ed io sono tra i padri disperati e ormai in preda al panico per il loro futuro, quindi da essere curato! Ma sotto questo aspetto i nostri servitori non intervengono, qui si zittiscono!” (Kiriosmega)

Ultima considerazione: “essi” hanno paura di internet perché unica vera fonte d’informazione “popolare” che crea solidarietà tra vilipesi e gruppi politici anche antagonisti. E di questo debbo dare conferma… avendo io stesso appurato come su Facebook -ad esempio- ci sia una continua solidarizzazione su temi scottanti e socialmente condivisibili indipendentemente dall’ubicazione politica dei proponenti. Su Facebook mantengo amici di destra di sinistra e di centro… eppure chissà com’é sono tutti concordi nel riconoscere la verità…

Paolo D’Arpini – Portavoce di European Consumers Tuscia – 

28 Novembre 2010

http://www.controluce.it/lettere-aperte-al-giornale/io-ce-l-ho-con-wikileaks-con-facebook-con-google-e-con-internet-in-generale

Be Sociable, Share!