Indignati: Londra accoglie Assange con urla di gioia

Il fondatore di Wikileaks a St Paul

“Noi non infrangiamo la legge, la costruiamo”.

Londra – A dare man forte agli indignati di Londra, nel giorno della mobilitazione mondiale del movimento, è stato il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, che pure essendo agli arresti domiciliari è comparso ieri sugli scalini della cattedrale di St Paul tra le urla di gioia dei presenti.”Noi non infrangiamo la legge, la costruiamo – ha detto prendendo la parola con un megafono – ho avuto difficoltà come voi a entrare qui nella piazza e ci sono molte persone che ancora non ce l’hanno fatta. Spero che la giornata finisca con la sconfitta delle tattiche repressive della polizia“. Ogni frase di Assange trovava eco nella piazza festante.

“Siamo tutti individui. E siamo tutti ragazzi e ragazze birichini. Oggi è una combinazione di sogni che si avvera, che molti popoli in giro per il mondo, dal Cairo a Londra, hanno lavorato perché diventassero realtà. Quello a cui siamo stati sottoposti è una distruzione dello stato di diritto”, ha concluso. Poi si è dileguato insieme alle sue guardie del corpo.

E. C. – 16/10/2011

http://www.voceditalia.it/articolo.asp?id=73028

Be Sociable, Share!