Finanziamenti a Wikileaks, come violare l’embargo Usa

lunedì 24 ottobre 2011
Julian Assange dopo lo stop alle transazioni di Visa, Mastercard e Bank of America: “Costretti a sospendere temporaneamente le pubblicazioni per sopravvivere”

Londra – “Per garantire la futura sopravvivenza dell’organizzazione, siamo costretti a sospendere temporaneamente qualunque pubblicazione e concentrarci, finanziariamente, a combattere l’embargo finanziario imposto da Visa, Mastercard e Bank of America”. Lo ha detto oggi il capo di WikiLeaks Julian Assange durante una conferenza stampa al Frontline club di Londra. Secondo Assange l’organizzazione ha perso il 95% dei suoi fondi. L’esistenza stessa di WikiLeaks è messa in pericolo a causa dell’embargo finanziario imposto da Visa, Mastercard e PayPal sin dal dicembre scorso.
“Se non verrà sospeso entro la fine dell’anno – ha detto oggi Julian Assange – non potremo continuare il nostro lavoro e dovremo chiudere”. Per poter continuare ad operare agli stessi livelli degli scorsi 12 mesi, WikiLeaks ha bisogno di 3,5 milioni di dollari. Impresa ardua con i canali di accesso di fatto chiusi alla maggior parte dei donatori. L’embargo è stato definito da Assange “senza precedenti”, “illegale”, “antidemocratico” e un “attacco alla sovranità nazionale europea” visto che le tre istituzioni controllano quasi il 100% dei passaggi di denaro di piccola entità fra i “cittadini europei”. Il blocco delle donazioni avrebbe fatto perdere, dice il numero due di WikiLeaks Kristinn Hrafnsson, “40-50 milioni di euro”. Assange ha detto poi di avere “pendenti” 100mila documenti da pubblicare, inclusi file su “banche di diverse nazioni”. Materiale che dovrà attendere l’arrivo di nuova linfa vitale. Entro novembre, ha detto poi Hrafnsson, è attesa poi la decisione della Commissione Europea sull’anti-trust sollecita da un esposto di WikiLeaks. “Dobbiamo avere fede”, ha sottolineato il numero due. “Non posso credere che la commissione UE resterà con le mani in mano”.

Il prossimo 28 novembre, a un anno dalla pubblicazione del Cable-gate, WikiLeaks svelerà al pubblico un “nuovo sistema di consegna elettronica” del materiale sensibile. Lo ha detto il capo dell’organizzazione Julian Assange durante una conferenza stampa. Il sistema sarà “totalmente indipendente” e slegato dal codice “https” oggi in uso per trattare le transazioni sensibili. “Le agenzie di certificazione sono state infiltrate dai vari servizi segreti”, ha detto Assange, “e non ci si può più fidare di loro. Ecco perché sistemi analoghi a quello di WikiLeaks varati da media tradizionali come Al Jazeera e il Wall Street Journal non sono sicuri”. Il metodo messo a punto da WikiLeaks per gestire la consegna via internet di materiale sensibile e riservato è quindi slegato dalle agenzie di certificazione. Informazioni più dettagliate, ha fatto sapere Assange, verranno date il giorno del lancio del nuovo sistema informatico.

Come aggirare l’embargo
Ecco tutte le istruzioni necessarie per continuare a finanziare Wikileaks.

1) Bonifico bancario alla Sunshine Press Production (l’entità giuridica collegata a WikiLeaks e registrata in Islanda da Julian Assange)
– Intestatario del conto: Sunshine Press Productions ehf
– Indirizzo banca: Skulagötu 19, 101 Reykjavik, Iceland
– Il nome della banca: Landsbanki Islands Account number: 0111-26-611010- SWIFT (è il riferimento per i bonifici internazionali): NBIIISRE
– IBAN: IS97 0111 2661 1010 6110 1002 80
2) Bonifico bancario alla not-for-profit Wau Holland Stiftung Foundation
che raccoglie fondi per WikiLeaks dall’ottobre del 2009 con base a Berlino in Germania.
– Nome della banca: Commerzbank Kassel
– Bank Account: 2772812-04
– IBAN: DE46 5204 0021 0277 2812 04
– BIC Code: COBADEFF520
– German BLZ: 52040021
– Causale: WIKILEAKS/WHS Projekt 04
3) Bitcoin. Puoi utilizzare questa soluzione se sei registrato al sistema, inviando la donazione al seguente indirizzo: 1HB5XMLmzFVj8ALj6mfBsbifRoD4miY36v
4) Via posta: Puoi inviare una donazione al seguente indirizzo:
WikiLeaks BOX 4080
Australia Post Office -University of Melbourne Branch
Victoria 3052
Australia
5) Puoi anche inviare un assegno non trasferibile intestato a “Julian Assange Defence Fund” al seguente indirizzo:
Ellingham Hall
Hall Road
NR. Bungay
Suffolk
NR35 2EN
United Kingdom

http://www.reggionline.com/it/2011/10/24/finanziamenti-a-wikileaks-come-violare-lembargo-usa-8272

Be Sociable, Share!